Consulenza

Quale soluzione scegliere?

La determinazione del prezzo di un servoscala dipende da molteplici fattori, relativi sia alla tipologia di scala ove si intende eseguire l’installazione, sia alle caratteristiche di utilizzo e di configurazione dell’impianto stesso.

A poltroncina
Il servoscala a poltroncina è un impianto meccanico dotato di poltroncina che permette di salire e scendere le scale con maggiore semplicità, particolarmente indicato per le persone anziane o per coloro che  hanno difficoltà motorie. La sua installazione richiede una sola giornata e non necessita di opere murarie.
L’utilizzo dell’impianto richiede uno sforzo minimo, grazie ai telecomandi che lo riportano al piano e alla poltroncina girevole che facilita lo sbarco. L’impianto è dotato di dispositivi di sicurezza, che fermano automaticamente l’impianto nel caso in cui trovi ostacoli durante il tragitto.
Il servoscala è studiato per integrarsi completamente in ogni ambiente, disponibile in diversi colori in base al vostro arredamento e con il minimo ingombro, una volta usato può essere infatti richiuso, occupando pochi centimetri.

A pedana
Il  servoscala a pedana è un impianto meccanico per il superamento delle barriere architettoniche, studiato per l’utilizzo da parte di persone su carrozzina.
L’abbassamento automatico della pedana e delle bandelle avviene quando l’impianto si trova in corrispondenza dei piani da servire, creando uno scivolo di raccordo che consente di agevolare le fasi di sbarco/imbarco. L’impianto ha un ingombro minimo sulla scala, risultando molto compatto nella posizione chiusa.
Questa soluzione non richiede nessun intervento a livello architettonico sulla struttura preesistente e non snatura lo stile dell’arredamento.

Piattaforma elevatrice

La piattaforma elevatrice è una tipologia di ascensore ideale per unità abitative unifamiliari o in strutture per la collettività, specialmente in presenza di anziani e persone disabili.
In base alla normativa vigente, le piattaforme si distinguono dagli ascensori per una velocità di movimento inferiore, pari al massimo a 0,15 m/s, e per i costi di installazione e successiva manutenzione decisamente ridotti rispetto a quelli di un ascensore
La piattaforma elevatrice si caratterizza per il comando in cabina “uomo presente”: l’utilizzatore  manovra la salita/discesa dell’impianto con la pressione costante del pulsante.
La cabina può essere dotata di una, due o tre pareti,  ed è priva di porte di apertura e chiusura in abbinamento alle porte di piano.
La piattaforma elevatrice funziona con la normale corrente domestica e necessita di una fossa minima (mm 120 per vano in muratura e protezioni in alluminio, e mm 140 per struttura metallica).
La dimensione del vano dev’essere tale da consentire l’ingresso di sedia a rotelle.
Non è necessario predisporre un vero e proprio locale macchina, date le dimensioni ridotte della centralina idraulica custodita all’interno di apposito armadio.
La piattaforma elevatrice può essere installata sia all’interno che all’esterno dell’edificio, sia in vano in muratura che in struttura autoportante: in questo caso le opere edili sono ridotte al minimo.

 


Che tipologia di scala avete?

A) Scale dritte: rampa unica senza pianerottoli intermedi;

B) Scale curve: a più rampe, a chiocciola o con pianerottolo.

L’installazione dei nostri servoscala può avvenire sia sul lato del muro sia sul  lato della  ringhiera senza necessità di opera murarie.
I nostri tecnici sapranno aiutarvi nella scelta migliore valutando tutte le Vostre necessità e seguendoVi nel percorso burocratico, garantendoVi professionalità e qualità.